Disturbo della coordinazione motoria e disprassia

Perché il mio bambino sembra impacciato?

Perché fatica a saltare? Perché fatica a coordinarsi?

Perché non ama fare giochi di movimento ma preferisce farne di più tranquilli?

 

Queste sono solo alcune domande che i genitori si pongono vedendo il proprio figlio con difficoltà in abito motorio.

L’équipe di Imparole da anni si pone all’ascolto delle famiglie supportandole e aiutandole nel corso delle tappe evolutive del bambino.

 

Quando aspettare e quando intervenire?

È utile intervenire quando i genitori o le insegnanti notano che il bambino fatica ad eseguire attività motorie e vive con disagio questa situazione.

 

Quali sono le figure in Imparole che intervengono e come?

  • Neuropsichiatra infantile: raccolta di informazioni e prima visita con la famiglia e il bambino
  • Psicologo: valutazione cognitiva e del funzionamento adattivi e definizione degli obiettivi riabilitativi e supporto ai genitori.
  • Terapista della neuropsicomotricità: valutazione neuropsicomotoria

Il percorso riabilitativo sarà condiviso con la famiglia e prevedrà un intervento di tipo neuropsicomotorio, con incontri individuali o di gruppo e sarà integrato con incontri periodici con la famiglia e gli insegnanti.

L’intervento neuropsicomotorio si concentrerà su tre aspetti principali: abilità di base, abilità dominio specifiche e dinamiche emotivo- relazionale.

Per quanto concerne le abilità di base (ossia i prerequisiti per la realizzazione delle prassie e della scrittura) verranno proposte attività volte a potenziare le abilità visuo-spaziali e visuo-percettive, la motricità fine e grossolana, la conoscenza e consapevolezza del proprio schema corporeo e l’organizzazione temporale e spaziale. A livello delle abilità dominio specifiche con il bambino si andrà a lavorare sul miglioramento del tratto grafico e delle prassie.

Riguardo la sfera emotiva del bambino si lavorerà su una maggiore tolleranza alla frustrazione, una migliore consapevolezza delle proprie capacità e difficoltà (al fine di favorire anche una migliore autovalutazione).

 

Quali materiali utilizziamo?

L’aspetto principale per noi è avere in mente gli obiettivi prefissati.

Successivamente verrà utilizzato materiale strutturato (giochi in scatola, costruzioni, strumenti per l’attività grafica) e non strutturato (cuscinoni, teli, coni, materassi, palloni) in modo tale da aiutarci a raggiungerli. In quest’ottica sarà molto importante il coinvolgimento della famiglia e della scuola mediatori e ambienti dove il bambino può continuare a ripetere comportamenti funzionali.

Corsi ed Eventi

img

30 Gen

Supervisione per applicatori Feuerstein

Vi proponiamo un percorso di supervisione e approfondimento per applicatori PAS. Gli incontri avranno come obiettivo il confronto su casi e problematiche e hanno l’obiettivo di individuare strategie efficaci e modalità di intervento ottimali.

24 Feb - 25 Feb

Programma di Arricchimento Strumentale Pas Basic I

Il Metodo Feuerstein è diffuso a livello internazionale ed è applicato in tutte le situazioni in cui è necessario favorire un incremento delle prestazioni individuali per permettere al soggetto...

15 Lug - 20 Lug

Campus estivo secondo il metodo Feuerstein

Il campus di Imparole è l'unico Campus in Italia che ha come obiettivo un'immersione completa nella MEDIAZIONE.

RICHIEDI ULTERIORI INFORMAZIONI

Acconsento al trattamento dei miei dati personali al fine di usufruire dei servizi offerti dal presente sito come descritto nella privacy policy. (Attenzione: non selezionando ""acconsento"" non sarà possibile dare esecuzione ai servizi offerti.) *
Acconsento al trattamento dei miei dati personali per dare esecuzione al servizio di Newsletter, cioè per ricevere informazioni relative ad aggiornamenti, novità editoriali, offerte, promozioni in corso da parte della Cooperativa Imparole. *