Potenziamento abilità sociali

Il nucleo fondamentale delle Abilità sociali identificato dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) è costituito da 10 competenze:

  • Consapevolezza di sé
  • Gestione delle emozioni
  • Gestione dello stress
  • Comunicazione efficace
  • Relazioni efficaci
  • Empatia
  • Pensiero creativo
  • Pensiero critico
  • Prendere decisioni
  • Risolvere problemi

Tali competenze possono essere raggruppate secondo 3 aree:

  • EMOTIVA: consapevolezza di sè, gestione delle emozioni, gestione dello stress
  • RELAZIONALE: empatia, comunicazione efficace, relazioni efficaci
  • COGNITIVA: risolvere i problemi, prendere decisioni, pensiero critico, pensiero creativo.

 

A chi è rivolto il lavoro di potenziamento delle abilita’ sociali?

A bambini e ragazzi che evidenziano momenti di crisi o disagio come: comportamenti inibiti, iperattività psicomotoria oppure manifestazioni di tipo oppositivo, provocatorio o reattivo. In queste situazioni le motivazioni più ricorrenti possono essere ricondotte a difficoltà scolastiche, a disturbi specifici di apprendimento, a difficoltà attentive e comportamentali, a disagi nella sfera emotiva oppure, in altri casi ancora ci troviamo in situazioni più complesse come nel disturbo oppositivo provocatorio o nello spettro autistico.

 

Come si svolge questo potenziamento In Imparole?

Abbiamo deciso di creare percorsi in gruppo costituiti da circa 4/5 bambini/e, ragazzi/e condotti da figure diverse: terapisti della neuro e psicomotricità insieme a psicologi o pedagogisti, il setting è quello psicomotorio caratterizzato da un clima di accoglienza, fiducia e assenza di giudizio. La possibilità di fare esperienza con e nel gruppo, accompagnata dalla mediazione dei conduttori, crea la giusta partecipazione emotiva e cognitiva che aiuta ad esplicitare le potenzialità emergenti.

Le varie metodologie utilizzate, tra le quali Feuerstein e terapia cognitivo-comportamentale (CBT), accompagnano l’integrazione di attività per il corpo, la sensorialità, il movimento, la produzione ludica, pittorica, manipolativa e narrativa, il tutto accompagnato dalla domanda e dal processo.

 

Quante volte alla settimana?

I gruppi delle abilità sociali si svolgono con cadenza settimanale.

 

Come può il genitore aiutare i ragazzi ogni giorno?

Le figure genitoriali partecipano a colloqui individuali e di gruppo per lavorare alla generalizzazione dei processi che il gruppo ha messo in atto in sede di lavoro. Si condividono obiettivi, strumenti e attività da calare nel quotidiano. Tra le finalità anche quella di allargare lo sguardo sulla competenza genitoriale ed educativa e sul bisogno reale del bambino nel contesto familiare.

 

Come i terapisti lavorano con l’insegnante?

Sono previsti colloqui con gli insegnanti per capire come i bambini vivono a scuola le loro difficoltà legate alla gestione delle emozioni e capire anche, se e come, queste possano condizionare le relazioni coi pari e con gli insegnanti.

Vengono proposte loro delle strategie in modo tale da aiutare i bambini a gestire le proprie emozioni in maniera efficace anche nel contesto scolastico.

Corsi

img

Nessun corso in calendario

RICHIEDI ULTERIORI INFORMAZIONI

Acconsento al trattamento dei miei dati personali al fine di usufruire dei servizi offerti dal presente sito come descritto nella privacy policy. (Attenzione: non selezionando ""acconsento"" non sarà possibile dare esecuzione ai servizi offerti.) *
Acconsento al trattamento dei miei dati personali per dare esecuzione al servizio di Newsletter, cioè per ricevere informazioni relative ad aggiornamenti, novità editoriali, offerte, promozioni in corso da parte della Cooperativa Imparole. *