Capoeira per tutti

Capoeira con Mirko in Imparole perchè…

Il progetto è nato con l’obiettivo di misurare la capacità inclusiva di questa disciplina prevedendo un gruppo di ragazzi con disabilità e senza, dai 6 ai 16 anni, ai quali venga proposta la possibilità di  conoscere questa disciplina e di misurarsi a vicenda superando pregiudizi, barriere mentali che la diversità crea. Abbiamo deciso di differenziare soltanto alcuni dei momenti della lezione, legati all’apprendimento di movimenti più specifici e che avrebbero richiesto modalità più ad hoc per il singolo allievo o per un sottogruppo.

Il progetto rientra nelle attività di socializzazione di Imparole perchè propone una piccola soluzione ai genitori dei ragazzini con disabilità che possano valutare ed usufruire di una  possibilità educativa, aggregativa e motoria.

Il corso partirà da ottobre 2018 e sarà aperto per i bambini dai 6 ai 16 anni. Prossimamente aggiorneremo la data di inizio e altre informazioni utili.

PREMESSE SULLA CAPOEIRA

 La teoria più accreditata sostiene che questa forma di combattimento sia stata creata dagli schiavi africani deportati in Brasile tra il XVII e il XIX sec come forma di ribellione alla schiavitù. Inizialmente gli schiavi dissimularono questi allenamenti fingendo di danzare a tempo di musica con strumenti musicali rudimentali e senza contatto fisico diretto.

La capoeira è un mondo di stimoli e fantasia, i movimenti diventano animali, gli esercizi un gioco di immaginazione, la musica un viaggio divertente.

La musica ipnotica, i canti, le acrobazie, i movimenti, la lotta, sono forti stimoli sensoriali, emotivi e cognitivi in grado di catturare anima e corpo anche dei piccoli.

La Capoeira, per la sua natura di esperienza collettiva e per la ricchezza di strumenti espressivi offerti, rappresenta un’occasione unica di socializzazione e scambio per chiunque la pratichi.

Quest’arte che unisce la grazia e l’armonia della danza alla forza e all’astuzia del combattimento è una pratica particolarmente adatta ai più piccoli.
Abbiamo deciso di fare un corso perchè cosi possiamo lavorare su:

  • il rinforzo delle abilità di comunicazione non verbale, stimolata dai movimenti del corpo del compagno, che si imparano a riconoscere e ai quali si impara a rispondere (calcio-schiva), non in una forma di memorizzazione e riproposizione meccanica, ma nel gioco di botta e risposta descritto sopra che si evolve e può sempre cambiare, aumentando l’elasticità mentale dei bambini.
  • il miglioramento delle competenze relazionali, esercitate e incrementate dal “combattimento” a due, in cui non si stimola l’aggressività o la rabbia, ma l’ascolto, l’accoglienza, il prendere coscienza dell’altro, e si gioca col sorriso, stando attenti a non colpirsi ma mettendosi comunque reciprocamente alla prova. Lo scopo non è far cadere l’altro o sopraffarlo, ma fare un bel “gioco” insieme a lui.
  • l’aumento delle capacità attentive e di memorizzazione, nell’apprendimento e messa in pratica delle corrette sequenze di calci, schive, movimenti, sempre in una dinamica di coppia.
  • il rinforzo della sicurezza in sé stessi e l’aumento dell’autostima: avvicinandosi a quest’arte in modo del tutto giocoso, per la natura della disciplina e la modalità dell’insegnamento, i bambini apprendono naturalmente movimenti e tecniche che prima non conoscevano, dai quali traggono soddisfazione e divertimento. Così facendo aumentano la loro motivazione ad esercitarsi, migliorando la tecnica e le abilità psico-motorie, e sono in grado di entrare nella “roda”, alla fine della lezione, senza timori né insicurezze, bensì con una consapevolezza dei propri mezzi che aumenta la loro autostima e il loro desiderio di mettersi in gioco. Questo vale in modo particolare per la capoeira rispetto a tutte le altre attività corporee, proprio per il carattere ludico, relazionale che la contraddistingue, non agonistico né competitivo, e quindi la rende particolarmente indicata per i bambini. Permette di esprimere ed elaborare le proprie emozioni in modo sano, nel rapporto con l’altro, che va guardato, atteso, “capito”.

L’assenza del contatto fisico, almeno a questo livello, contribuisce ad evitare l’insorgere di conflitti o frustrazioni, e trattandosi di una disciplina cui tutti possono accostarsi, a prescindere dalle capacità corporee di partenza, permette a tutti i bambini di cominciare a praticarla.

Il 26 Novembre 2014, la capoeira viene nominata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, perché ritenuta in grado di permettere l’inclusione e la condivisione tra uomini, donne e bambini di qualsiasi età, sesso, stato di salute, culto.

 

Questi gli obiettivi che ci siamo prefissati per i nostri utenti:

  • migliorare la concentrazione su un’unica consegna/ esercizio;
  • sviluppare l’equilibrio;
  • sviluppare il ritmo e l’orecchio musicale;
  • memorizzazione di movimenti semplici trasmessi tramite imitazione di animali;
  • migliorare la concentrazione su un’unica consegna/ esercizio;
  • migliorare la relazione con i pari;
  • rinforzare le capacità di togliersi/mettersi le scarpe, vestirsi/svestirsi;
  • migliorare la percezione e l’accettazione della propria corporeità;
  • migliorare la coordinazione globale
  • acquisire un maggior controllo nei momenti di forte emotività
  • sviluppare le abilità motorie e il controllo del proprio corpo;
  • stimolare una partecipazione positiva nei momenti di gruppo;
  • arricchire le competenze relazionali nel gioco in coppia;
  • sviluppare le abilità motorie e il controllo del proprio corpo;
  • stimolare l’iniziativa e l’elasticità nella scelta dei movimenti appresi;
  • migliorare la capacità di cantare in gruppo.


I prossimi appuntamenti

img

28 Set

Capoeira con Mirko prova gratuita - venerdi 28 settembre

Vieni alla prova di allenamento gratuito Capoeira

RICHIEDI ULTERIORI INFORMAZIONI

Acconsento al trattamento dei miei dati personali al fine di usufruire dei servizi offerti dal presente sito come descritto nella Privacy Policy . (Attenzione: non selezionando ""acconsento"" non sarà possibile dare esecuzione ai servizi offerti.) *
Acconsento al trattamento dei miei dati personali per dare esecuzione al servizio di Newsletter, cioè per ricevere informazioni relative ad aggiornamenti, novità editoriali, offerte, promozioni in corso da parte della Cooperativa Imparole. *