Immaturità grafomotoria

Perché il mio bambino fa fatica a scrivere?

Perché fin dalla scuola dell’infanzia colora male e non riesce a stare nei contorni?

Perché tiene male la matita e avverte dolore alla mano e al braccio?

Perché gli insegnanti lo rimproverano per il disordine e la poca chiarezza?

Perché fa fatica ad incolonnare le operazioni? Perché nei dettati rimane indietro? Perché fa fatica a rileggere e capire i compiti che ha scritto sul diario?

Sono tante le domande e i pensieri che si pongono i genitori durante i primi anni di sviluppo del proprio bambino. L’equipe di Imparole da anni accoglie le famiglie e le accompagna passo dopo passo lungo il percorso di crescita del bambino.

L’immaturità grafomotoria è un disallineamento delle competenze grafiche effettive del bambino rispetto a quelle attese per la sua età anagrafica. Si manifesta fin dalla scuola dell’infanzia attraverso la difficile acquisizione dei prerequisiti legati all’apprendimento della scrittura e continua nei successivi anni scolastici con elementi di difficoltà nella scrittura vera e propria.

 

Quando intervenire?

È importante individuare precocemente tutte le eventuali aree di immaturità grafomotoria perché tendono a peggiorare e cronicizzarsi nel tempo, influenzando anche il rendimento scolastico globale e determinando sentimenti di delusione, scoraggiamento e demotivazione che influiscono sulla personalità del bambino.

 

Quali sono le figure in Imparole che intervengono e come?

Gli educatori del gesto grafico si avvalgono di competenze grafologiche e di conoscenze specialistiche nell’ambito evolutivo della scrittura.

Nel corso della valutazione iniziale (bilancio grafomotorio) esaminano il livello di maturità grafica del bambino: vengono prese in esame la postura, l’impugnatura, la lateralità, la percezione visiva e la coordinazione oculo-manuale, la motricità fine, il senso del ritmo, il modello calligrafico appreso, le caratteristiche tecniche della scrittura e del gesto grafico.

Se si evidenziano aree di criticità, viene proposto un percorso di educazione del gesto grafico e/o, laddove necessario, si rimanda invece a percorsi diversi.

In questo percorso si lavora su tutte le competenze coinvolte nella scrittura, ottenendo benefici, in modo trasversale, anche in altri settori dell’apprendimento, per esempio: coordinazione motoria, attenzione, motivazione, autostima. Scrivere con più facilità consente inoltre al bambino di poter focalizzare la sua attenzione, ad esempio, sulla componente ortografica o di contenuto della scrittura, con conseguenti possibili miglioramenti anche in questi settori.

 

Tempi

La valutazione richiede generalmente una o due ore, a seconda che sia inserita o meno in un percorso più ampio di valutazione degli apprendimenti.

Il percorso di educazione del gesto grafico viene personalizzato a seconda delle esigenze di ogni bambino, per cui ha una durata variabile: generalmente si propone un minimo di 15-20 incontri settimanali, con l’obiettivo di eliminare la fatica e restituire al bambino il piacere di scrivere!

RICHIEDI ULTERIORI INFORMAZIONI

Acconsento al trattamento dei miei dati personali al fine di usufruire dei servizi offerti dal presente sito come descritto nella Privacy Policy . (Attenzione: non selezionando ""acconsento"" non sarà possibile dare esecuzione ai servizi offerti.) *
Acconsento al trattamento dei miei dati personali per dare esecuzione al servizio di Newsletter, cioè per ricevere informazioni relative ad aggiornamenti, novità editoriali, offerte, promozioni in corso da parte della Cooperativa Imparole. *