legge per dsa

La legge 289/90 è stata creata per aiutare anche le famiglie di bambini affetti da DSA a sostenere le spese necessarie per il benessere del figlio.

Per i ragazzi DSA viene rilasciata dalla Commissione una indennità che riconosce “… una difficoltà persistente a svolgere i compiti e le funzioni proprie della sua età…” (art.2 legge 289/90). Questa pensione serve per aiutare le famiglie a sostenere i costi dei cicli di logopedia o di altri cicli riabilitativi, degli specialisti, del carburante (per andare e tornare dalle terapie), oltre che dei supporti tecnologici e tutto quello che può servire al minore per superare le sue difficoltà.

I requisiti necessari per ottenere l’indennità sono:

  • età fino a 18 anni;
  • essere cittadino italiano o UE residente in Italia, o essere cittadino extracomunitario in
    possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;
  • essere stati riconosciuti “minore con difficoltà persistenti a svolgere le funzioni proprie
    dell’età” (L. 289/90) o “minore con perdita uditiva superiore a 60 decibel nell’orecchio
    migliore” (dicitura che va riportata così nelle certificazioni specialistiche)
  • frequenza ad un centro di riabilitazione (o di compensazione)
  • frequenza a centri occupazionali o a scuole di ogni grado e ordine (compresi asili nido)

L’indennità è subordinata a un limite di reddito

  • Importo: per il 2015 è di 279,75 euro. Il limite di reddito è di 4.805,19 euro, ogni anno verrà adeguato a nuovi parametri.

L’indennità di frequenza viene erogata durante tutto l’anno scolastico (9 mesi) per scuole di ogni ordine e grado.

Ogni anno a giugno l’indennità viene sospesa, andrà presentato a settembre il certificato di frequenza all’INPS e aspettare che venga nuovamente avviata. Ci potrebbe volere qualche mese, ma verranno comunque accreditati tutti gli arretrati, potrebbe essere di 12 mesi se si frequenta un percorso di compensazione anche nei mesi estivi.

Se il ragazzo in questione, nei mesi estivi, frequentasse centri di riabilitazione, centri di compensazione, centri occupazionali, centri estivi specialistici e specifici, le mensilità pagate saranno 12. In caso contrario le mensilità saranno per i soli mesi scolastici.

La prima cosa da fare è andare dal medico curante o dal pediatra e spiegare che si vuole attivare la procedura per la richiesta di indennità di frequenza all’INPS.

Il medico dovrà emettere un certificato, da inviare per via telematica all’INPS, dove si attesta che il bambino è affetto da dislessia. Attenzione il certificato ha validità di 30 giorni.

A questo punto bisogna recarsi presso il patronato entro quei 30 giorni e avviare la procedura di richiesta “per l’indennità di frequenza” e attendere che l’INPS vi contatti per fissare l’appuntamento con il medico legale.

L’articolo ufficiale è reperibile al seguente link.

Per maggiori informazioni consultare la sezione DSA del nostro sito.

per ulteriori informazioni sulla leggere cliccare qui.

Autore articolo: Dott.ssa Vinia Lovati