Riabilitazione logopedica dei disturbi di linguaggio e fonetico-fonologici

Il 60% di tutte le comunicazioni umane è non verbale: linguaggio del corpo. Il 30% è nel tono. Vale a dire che il 90% di quello che si comunica… non esce dalla nostra bocca.– (Dal film Hitch)
Che cosa fa la logopedista di Imparole in riabilitazione? Come aiuta il bambino e i genitori?

Dopo aver valutato le competenze comunicative del bambino, attraverso il gioco, e le competenze linguistiche attraverso test specifici, fondamentali per impostare un trattamento logopedico mirato e alla portata del bambino, la logopedista individuerà insieme ai genitori la giusta modalità per facilitare l’acquisizione linguistica. I genitori conoscono il bambino, i suoi interessi, le attività che lo divertono e quelle che lo chiudono. Attraverso il gioco, le canzoni, il disegno, le storie e altri materiali accattivanti per il bambino si lavorerà sull’articolazione di suoni, delle parole, sull’ampliamento del lessico, sulla costruzione delle frasi e sul racconto.

 

Quali sono i materiali che usa in terapia?

I materiali che vengono usati in terapia sono molto vari e dipendono dalle competenze cognitive e dagli interessi del bambino. Possono essere di varia natura: sonori, come delle canzoni, figurativi, come disegni e libri, oppure pupazzi ed altri materiali per un gioco simbolico.

 

Quante volte alla settimana la logopedista vede il bambino?

Il logopedista e l’equipe valuteranno la cadenza settimanale (1/2 volte) in base al bisogno.

 

Come può il genitore, aiutare il bambino ogni giorno?

Il logopedista man mano guiderà i genitori mostrando gli stili e le modalità comunicativi più corrette per favorire l’intenzionalità comunicativa; condividerà e medierà/istruirà i genitori su esercizi mirati per incrementare il linguaggio in tutte le sue componenti. I genitori potranno assistere alle sedute (quando se ne ritiene la necessità) o potranno parlare con il logopedista all’interno di colloqui dedicati.

Durante le sedute insieme si giocherà, si parlerà e si canterà. Il genitore vedrà come all’interno di giochi semplici ci si potrà divertire e imparare allo stesso tempo.

 

Come il logopedista lavora con l’insegnante?

È fondamentale avere un raccordo tra l’equipe che segue il bambino e le insegnanti per due ragioni: l’ambiente scolastico è l’ambiente nel quale i bambini trascorrono la maggior parte del loro tempo ed è importante che, anche qui, vengano stimolati in maniera corretta e condividano gli obiettivi delle insegnanti. Il logopedista è quindi pronto ad incontrare le insegnanti, per dipanare i loro dubbi e per proporre eventuali attività, attuabili in classe oppure in piccolo gruppo, per favorire il corretto sviluppo linguistico.

Corsi

img

Nessun corso in calendario

RICHIEDI ULTERIORI INFORMAZIONI

Acconsento al trattamento dei miei dati personali al fine di usufruire dei servizi offerti dal presente sito come descritto nella Privacy Policy . (Attenzione: non selezionando ""acconsento"" non sarà possibile dare esecuzione ai servizi offerti.) *
Acconsento al trattamento dei miei dati personali per dare esecuzione al servizio di Newsletter, cioè per ricevere informazioni relative ad aggiornamenti, novità editoriali, offerte, promozioni in corso da parte della Cooperativa Imparole. *