Nuova collaborazione con l’Università Cattolica del Sacro Cuore

Nel mese di settembre 2019 Imparole darà avvio ad una ricerca in collaborazione all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Si tratta di un’indagine esplorativa, il cui oggetto è il bambino con disabilità intellettiva, ma soprattutto l’ambiente che lo circonda (Bronfenbrenner, 1979).

L’ipotesi che si intende verificare è se l’accettazione e i cambiamenti culturali, relazionali e comportamentali che iniziano con la richiesta di aiuto e continuano con l’apprendimento del bambino, portino la famiglia (e i suoi singoli membri) ad un livello di resilienza maggiore, cioè al recupero di risorse interne al nucleo famigliare che mettono in moto processi di cambiamento a più livelli (dal micro al macro sistema).

Saranno coinvolte una ventina di famiglie di Imparole alle quali verrà chiesto di essere intervistate dalle professioniste dell’Università che condurranno la ricerca e di compilare un questionario.

Ci siamo posti questo obiettivo perchè Imparole vuole verificare la validità del proprio approccio (Secem) sia dal punto di vista clinico sia dal punto di vista della presa in carico della famiglia, basata sulla mediazione: l’obiettivo finale è fare emergere tutte le risorse possibili, affinchè la famiglia possa diventare protagonista attiva e consapevole delle proprie scelte relativamente ad un figlio disabile.