Potenziamento cognitivo

Se cammini in un sentiero pessimistico, non arrivi da nessuna parte – Reuven Feuerstein

Prenota ora il consulto online

Se desideri prenotare un consulto pedagogico online oppure un consulto psicologico online (cognitivo-apprendimenti) clicca sul pulsante relativo.

Non sai cosa fare? Prenota un colloquio gratuito

Non hai una diagnosi? Non sai cosa fare? Fatti aiutare dagli specialisti di Imparole prenotando un colloquio gratuito.

Prenota altri servizi

Imparole offre una vasta gamma di servizi correlati a queste attività

Cos’è il potenziamento cognitivo?

Per competenze cognitive si intende l’insieme di tutti i processi di pensiero, quali il problem solving, l’analogia, le capacità deduttive, la comprensione, la capacità di orientamento, l’organizzazione del comportamento, capacità di confronto e categorizzazione e moltre altre, tutte competenze che ci consentono di apprendere e mettere in atto comportamenti adattivi.  

A quale eta’ i bambini possono cominciare?

Con la terapia di potenziamento cognitivo ci poniamo l’obiettivo di sollecitare e sviluppare le competenze sopra descritte per migliorare le prestazioni di apprendimento. Lavoriamo utilizzando il nostro Approccio SECEM, scegliendo l’integrazione dei diversi metodi a seconda dell’età.

Per i bambini dai 18 mesi in su, con e senza difficoltà, utilizziamo:

  •  il Metodo Waldon (videolezione) per la stimolazione cognitiva per lo sviluppo e il rafforzamento delle abilità primarie attraverso il movimento;
  • il Metodo CTM – Neyborg per sostenere l’apprendimento dei bambini attraverso un insegnamento sistematico dei concetti che sono alla base della conoscenza. Inoltre si propone di sviluppare e potenziare i processi mentali quali attenzione, decodifica, memoria, recupero delle informazioni; (corso per specializzarsi)
  • il Metodo Tzuriel valuta e lavora sul potenziale di apprendimento lavorando sui requisiti evolutivi dei bambini più piccoli;
  • il Metodo Bright Start (videolezione) si focalizza sui processi di apprendimento e non sui contenuti, lavorando in gruppo e in individuale;
  • il Metodo Feuerstein, con gli strumenti del PAS BASIC, lavora sul potenziamento delle abilità e le funzioni cognitive emergenti del bambino, insieme al genitore che diventa mediatore. (corso per genitori).

Per i bambini dagli 8 anni in su, con e senza difficoltà, utilizziamo in individuale e in gruppo:

  • il Metodo Feuerstein, con gli strumenti del PAS, lavora sul potenziamento delle abilità e le funzioni cognitive carenti del bambino/ragazzo, insieme al genitore che diventa mediatore. (corso per genitori);
  • il Metodo Tzuriel valuta e lavora sul potenziale di apprendimento lavorando sui requisiti evolutivi dei bambini più piccoli;
  •  il Metodo Waldon (videolezione) se necessario lavorare ancora sulla stimolazione cognitiva per lo sviluppo e il rafforzamento delle abilità primarie attraverso il movimento;
  • Cat-kit: uno strumento utile per comunicare e spiegare le emozioni
  • Giochi in scatola

Grazie all’utilizzo e all’integrazione dei metodi, proponiamo un lavoro organizzato e sistematico, individuando strategie e introducendo “abitudini” cognitive, che si trasformano gradatamente in un cambiamento strutturale.

In quali situazioni è utile un intervento di potenziamento cognitivo?

E’ utile per tutti i ragazzi/bambini che presentano difficoltà di apprendimento, situazioni di ritardo cognitivo, necessità di un intervento di regolazione del comportamento, miglioramento dei tempi e della qualità dell’attenzione come per esempio nelle diagnosi di ADHDdifficoltà cognitivedifficoltà di comportamento.

Viene utilizzata anche con i bambini che presentano una diagnosi dello spettro autistico.

Quali sono le figure in Imparole che intervengono e come?   

La terapia di potenziamento cognitivo viene condotta da pedagogisti e psicologi con formazioni diverse ma con una base comune di formazione in metodi di modificabilità cognitiva.

Il percorso spesso parte da una prima fase di valutazione dinamica (LPAD), il cui obiettivo è mettere in luce il potenziale di apprendimento del soggetto. Si definiscono quindi gli obiettivi terapeutici e gli strumenti che si ritengono utili per raggiungerli.

Una seduta tipo è caratterizzata da tre momenti:

  • apertura e recupero dei contenuti della seduta precedente
  • proposta dell’attività
  • momento di riflessione e generalizzazione dei concetti appresi, lavoro mirato sul vocabolario.
Quali sono i materiali che usiamo in una terapia di potenziamento?

I materiali utilizzati sono tanti e vari, sono scelti in base all’obiettivo su cui si vuole lavorare e l’importante è essere creativi! Di  seguito alcuni esempi per poter lavorare in presenza o online:

Protagonista principale nella terapia è la mediazione, come in tutti gli interventi terapeutici in Imparole, elemento fondamentale del metodo Feuerstein: ogni individuo può attraverso l’intervento intenzionale del mediatore attivare le sue possibilità di apprendimento e cambiamento.

Tempi: quante volte alla settimana?

Si possono svolgere terapie individuali o di gruppo, una o due volte alla settimana, in funzione degli obiettivi.

Che ruolo giocano i genitori?

I genitori svolgono un ruolo importante di “co-terapeuti”, a loro è demandato il compito di sostenere la terapia e continuare il lavoro di mediazione, organizzando a casa un “ambiente modificante”, situazioni fisiche e relazionali, nelle quali il bambino sperimenta la mediazione e sia sempre attivo nella costruzione delle sue competenze cognitive. Noi possiamo aiutarli con il corso genitori a loro dedicato: Crescere la mente.

Corsi ed Eventi

img

28 Nov - 27 Mar

Genitori al Centro, come i genitori possono imparare il Metodo Feuerstein - Crescere la mente (I livello)

Corso di 5 incontri. Siamo pronti per una nuova edizione del corso genitori, che ha l’obiettivo di insegnare la Mediazione del prof. Feuerstein. Grazie al contributo di diversi professionisti, anche internazionali, i partecipanti avranno modo di esplorare la teoria di Feuerstein per comprenderne i principi e imparare a metterne in atto le strategie operative e le mediazioni che verranno approfondite nel corso degli incontri. Il corso si svolgerà parte in presenza e parte online attraverso piattaforme di videochiamata. Vi accompagneremo a sperimentare la mediazione che dagli anni 50 ad oggi, continua ad aiutare tanti genitori.

21 Nov - 08 Mag

Genitori al Centro e Metodo Feuerstein - Crescere la mente (II livello)

Corso di 4 incontri Il corso “Crescere la mente” (II livello) ha l’obiettivo di continuare la riflessione sui criteri della mediazione e la loro applicabilità nella vita quotidiana. Ogni incontro sarà l'occasione per i genitori per capire, in una sorta di parent training, se le strategie sperimentate di mediazione sono state efficaci o hanno bisogno ancora di essere implementate o riviste. I punti di riferimento rimangono sempre i criteri della mediazione del Prof. Feuerstein e il gruppo sarà seguito da diversi professionisti, tra cui il Prof. Lebeer e altri specialisti di Imparole. Questo corso è aperto ai genitori che nei vari anni, hanno già frequentato il corso Crescere la mente, in Imparole o un corso di formazione al Metodo Feuerstein.

RICHIEDI ULTERIORI INFORMAZIONI

Acconsento al trattamento dei miei dati personali al fine di usufruire dei servizi offerti dal presente sito come descritto nella Privacy Policy . (Attenzione: non selezionando ""acconsento"" non sarà possibile dare esecuzione ai servizi offerti.) *
Acconsento al trattamento dei miei dati personali per dare esecuzione al servizio di Newsletter, cioè per ricevere informazioni relative ad aggiornamenti, novità editoriali, offerte, promozioni in corso da parte della Cooperativa Imparole. *